A poco più di un anno dal primo debutto su Netflix, torna la seconda stagione di The Crown, la serie scritta e ideata da Peter Morgan sulla vita di Elisabetta II. Nella seconda stagione la produzione continua a stravolgere le premesse dei tradizionali adattamenti cinematografici sulle famiglie reali riportando lo spettatore a una dimensione umana in cui le vicende personali dei membri della corona inglese si intrecciano alle contingenze storiche e politiche interne ed estere dell’infinito regno di Elizabeth Alexandra Mary.

La seconda stagione copre il periodo che va dal’53 al ‘57, i conflitti tra i vari livelli della trama vengono amplificati dalle vicende personali dei componenti della famiglia reale che, in modo quasi corale, si accompagnano al personaggio di Elisabetta. Un’incessante modernità che avanza, incarnata dalla Principessa Margareth, ben si amalgama con le pulsioni e le debolezze del Principe Philip. La vecchiaia, la malattia, la debolezza, la carne e la vanità tuttavia sono costrette a fermarsi davanti alla fermezza di una strabiliante Claire Foy, la regina sola al comando che è in grado di riportare lo spettatore alla preservazione del bene superiore sebbene in costante declino: la Corona.

La scenografia e i costumi (complice un budget record da 200 milioni di dollari, che rende The Crown la produzione Netflix più costosa di sempre) sono anche in questa stagione impeccabili, e ben si accompagnano ad un cast che si conferma perfettamente all’altezza delle vicende della famiglia più seguita e chiacchierata d’Inghilterra.

Nella prossima stagione dovremo purtroppo lasciar andare Claire Foy per lasciar spazio ad una più adulta Elisabetta, interpretata da Olivia Colman, come stabilito dal progetto iniziale di Morgan per la serie, che prevede un completo rinnovamento del cast ogni due stagioni.

Ancora una volta è interessante notare come la sovrapposizione dei vari piani di lettura si rifletta nella fotografia e nel montaggio: al sottofondo altisonante e sfarzoso delle cerimonie reali si sovrappongono le immagini degli aspetti più fragili dell’esistenza umana, che disorientano lo spettatore e restituiscono un quadro d’insieme sincero, per quanto decadente, della realtà.

La seconda stagione di The Crown e le sue ricercatezze storiche saranno su Netflix a partire dal prossimo 8 dicembre: da inserire nella lista dei must-see di questo mese.