Voto
3.0

In onda in America 23 settembre, arriva in Italia su FOX proprio nella serata di halloween il telefilm che trae spunto dall’horror più famoso della storia del cinema: “The Exorcist”. La serie è incentrata sulla famiglia Rance, e il loro rapporto con la fede.

articolo-the-exorcist-2

La storia inizia con Angela Rance che contatta il prete, Tomas Ortega, perché ritiene che la sua casa sia infestata dal demonio. La donna ha una situazione familiare molto complessa, un marito malato e due figlie di nome Casey, molto socievole, e Charlotte, molto scontrosa e al limite della depressione. Il prete dovrebbe cercare di darle la forza per farla tornare a sorridere. Solamente alla fine della puntata ci sarà il colpo di scena, ma vi lasciamo l’ardire di scoprirlo da soli.

“The Exorcist” crea tensione ma non sconvolge, la serie risulta essere eccessivamente lenta e molti personaggi non sono ben approfonditi, come il nipote di Thomas e la famiglia Rance di cui non proviamo ancora l’empatia giusta.

Non si può fortunatamente dire lo stesso con i preti Tomas e Marcus, il primo è in bilico tra fede e scetticismo, il secondo ha avuto un passato terribile dovuto a un esorcismo fallito con un ragazzino e sembra rivivere ogni giorno quell’esperienza; purtroppo però non è abbastanza per curare tutti i dubbi che sorgono nella visione della puntata. Sembra infatti più incline ad una serie drammatica e psicologica piuttosto che horror.

La Serie-TV riesce a salvarsi all’ultimo minuto con il gran colpo di scena, provocando negli spettatori la voglia irrefrenabile di voler vedere la puntata successiva, “The Exorcist” trae energia proprio dal finale, grazie anche alla splendida colonna sonora di Lalo Schifrin. Decisamente apprezzabili le ambientazioni oscure, ma qualche scena horror in più non avrebbe guastato.

exorcistSi capisce da subito che “The Exorcist” non avrà il successo del capolavoro di Friedkin, può essere però un buon passatempo e forse, in futuro, qualcosa di più.

Non si può giudicare una Serie-TV da una puntata sola. Il consiglio è di continuare a seguire questo telefilm per poi fare i conti alla fine, proprio come è successo in questo primo episodio.

Studente di comunicazione pubblica e d'impresa alla sapienza. Appassionato di cinema, serie tv, musica, calcio e videogames. Socievole, logorroico e molto ripetitivo.