Titolo film: Jumanji - Benvenuti nella giungla

Data uscita: 2018-01-01

Regista: Jake Kasdan

Attori: Dwayne Johnson, Jack Black, Karen Gillan, Kevin Hart

Genere: Fantasy, Avventura, Azione

53
Sending
Voto Utenti 0 (0 voti)

Il Jumanji con Robin Williams è uno di quei film che hanno accompagnato l’infanzia della generazione nata e cresciuta negli anni ’90; tratta dal racconto illustrato di Chris Van Allsburg, la pellicola, sebbene imperfetta, riusciva a essere un prodotto per ragazzi piacevole e originale. La Sony quindi, cavalcando la sempre più presente ondata nostalgica, decide di realizzarne inserendo Dwayne The Rock Johnson nella doppia veste di produttore e protagonista. Stavolta Jumanji è un videogame, invece di essere un gioco da tavola, elemento più fruibile per i giovani personaggi: Spencer, nerd appassionato di videogiochi, Martha, acida e poco attraente, Bethany, reginetta della scuola ossessionata dal telefono e Fridge, lo sportivo poco interessato ai doveri scolastici, devono scontare insieme una punizione nel magazzino della scuola. I quattro decidono di giocare con una vecchia console abbandonata nel ripostiglio, ritrovandosi dentro al mondo di Jumanji. Proiettati nei corpi degli avatar del gioco, dovranno superare i vari livelli del videogame, unica soluzione per tornare nella realtà.

Jumanji-Benvenuti nella giungla è un vero e proprio remake, sebbene impostato come sequel, con rimandi al precedente. Il contesto della trama viene modernizzato virando prepotentemente i toni sulla commedia. La Sony sceglie infatti per la regia Jake Kasdan, tipico shooter di commedie americane, che non riesce però a ricreare la tensione e il senso di pericolo del primo, eliminando una delle potenzialità della pellicola originale. Le varie gag nascono quando i protagonisti si muovono dentro gli avatar del gioco, interpretati rispettivamente da Dwayne Johnson, Karen Gillan, Jack Black e Kevin Hart. I personaggi in cui sono costretti a entrare sono il loro esatto opposto, e il ruolo sociale che hanno sempre vissuto viene quindi ribaltato. Questo li porterà a conoscere lati nascosti di loro stessi e a superare i propri limiti caratteriali, oltre naturalmente a imprevisti di natura comica.

L’idea più riuscita è sicuramente vedere un The Rock ansioso e impacciato, l’unico capace di reggere per tutte le due ore del film, decisamente eccessive: le battute e gli inconvenienti diventano alla lunga ripetitivi e stancanti, eccetto qualche trovata con la Gillan e Black. I quattro ragazzi sono stereotipati, e di conseguenza il loro percorso di formazione è infarcito di cliché. Molto più interessante invece è l’attenzione verso il mondo videoludico. La giungla di Jumanji è strutturata come un videogame, e oltre ai livelli i protagonisti si confrontano con tutte le caratteristiche del gameplay, dagli NPC (personaggi non giocanti) fino alle skill degli avatar, dando vita ai momenti più divertenti. Non convince tuttavia un boss finale insignificante, i cui scagnozzi sembrano usciti da Mad Max: Fury Road, e una serie di effetti visivi piuttosto scadenti.

Jumanji-Benvenuti nella giungla si limita quindi a un intrattenimento semplice e leggero, capace a tratti di divertire, e a cui una durata minore avrebbe sicuramente giovato. Se consideriamo poi i nomi della sceneggiatura, come ad esempio Chris McKenna, che ha lavorato a Spiderman:Homecoming e all’acclamata Community, ci si poteva aspettare di più.

Voto: 53/100