Voto
4.0

Si dice spesso che i Marvel Studios diano il meglio con i personaggi meno noti. E’ in realtà un’espressione abusata e confusa che trova però riscontro in Doctor Strange.

Pur essendo poco conosciuto, Stephen Strange è uno dei character più importanti dell’Universo fumettistico Marvel.  Chirurgo di fama mondiale, brillante ma egocentrico, Strange viene brutalmente mutilato in un incidente stradale.  Senza più un lavoro, il dottore si reca in Nepal confortato da un ex paziente del suo ospedale che, senza speranza alcuna, ha riacquistato la capacità di camminare. Scoprirà lì che il mondo non è solo quello che vediamo.

strange1

Il potenziale della pellicola è virtualmente infinito. La Marvel ha infatti chiamato Scott Derrickson, famoso regista di film horror, a dirigerla.  L’influsso della sua precedente mansione non si fa sentire molto in quanto non si distacca dallo stile a cui i Marvel Studios ci hanno abituati in passato.

Come nei fumetti, il lungometraggio porta una ventata di misticismo all’interno dell’universo cinematico. Molto meno umorista dei precedenti, il film è in grado di affrontare anche tematiche importanti sulla vita – e sulla morte – in modo leggero e coinvolgente.

Benedict Cumberbatch dà vita ad un Doctor Strange meraviglioso, un personaggio a tutto tondo con una personalità complessa ed esaltante. Chiwetel Ejiofor è altrettanto credibile nella parte di Karl Mordo, cosi come Tilda Swinton nel ruolo dell’antico.

strange2

Gli effetti grafici, prodotti dalla ILM, sono forse il gioiello del film. Tra i poteri dei protagonisti, infatti, c’è quello di evocare un universo specchio in cui la realtà può essere modificata a piacimento. A metà tra Escher e Inception, gli elementi geometrici di questo mondo si spostano e si combinano creando delle costruzioni incredibili. Di conseguenza, è suggerita la visione del film in 3D.

In quanto primo film su Strange, inserito ormai in una saga dalle proporzioni epiche, lascia in sospeso molte cose sul passato dei protagonisti, focalizzandosi sulla storia del momento. Allo stesso tempo, il cattivo del film, Dormannu, perde forse di credibilità essendo metafisica confinata in un altro universo. Tuttavia, era difficile aspettarsi qualcosa di diverso.

Doctor Strange è un film che promette molto, mantiene gran parte di queste promesse e apre spazi narrativi nuovi per l’Universo Cinematico.

Nelle sale italiane dal 26 Ottobre.  Come di consueto, non uscite prima della fine dei titoli.