Cover ALIENI - Bugs - AD

Nonostante si parli sempre della crisi del fumetto e di come il mondo dell’editoria sia un deserto nucleare la realtà è ben diversa. Nel mondo reale un prodotto ben fatto e ragionato non solo sopravvive ma si espande costruendosi la sua nicchia ecologica.

Andrea Olimpieri

È l’esempio della Bugs comics che dopo l’esperienza di mostri ha deciso di rilanciare con una nuova testata monografica, questa volta dedicata alla fantascienza e nello specifico agli “amici” che vengono dallo spazio: gli Alieni.

 

 

Diego Oddi

Si tratta di un cartonato in formato americano di quasi 96 pagine. Otto storie auto-conclusive che spaziano tra i temi classici del genere: invasioni, rapimenti, contatti. Il tutto con la paura dell’ignoto a fare da filo conduttore e collante per l’albo.

La formula è la stessa già usata in Mostri: storie auto-conclusive, brevi e d’impatto sul tema dell’alieno. A volte con toni horror altre con il fascino della scoperta più vicina alla fantascienza anni 50.

La squadra di lavoro è all’incirca la stessa che già ha dato buoni risultati su “Mostri”, arricchita con nuovi innesti sotto la supervisione di Gianmarco Fumasoli, Paolo Altibrandi e Giancarlo Caracuzza.

 

Pietrantonio Bruno

 

 

La copertina è di Andrea Olimpieri ma sono state realizzate altre 150 copie con la white cover (modello “Variant”) che va molto di moda ultimamente. Questa, permette al lettore di avere una copertina personalizzata direttamente allo stand Bugs a Lucca comics oppure prenotando l’albo on-line su info@bugscomics.com .

Tirando le somme, il fumetto è in crisi e non vende solo per chi non sa fare il proprio lavoro. Chi lo sa fare invece continua a crescere, seppur lentamente, ma cresce.

Nerd, appassionato di fumetti, film e serie tv ed in generale di tutto quello che lo tiene lontano dalla luce naturale.